testalino master

NEUROPSICOLOGIA CLINICA DELL’ADULTO E DELL’ANZIANO:

VALUTAZIONE CLINICA e TEST NEUROPSICOLOGICI per la PROGETTAZIONE DI INTERVENTI RIABILITATIVI

 

PREVISTI CREDITI ECM PER PSICOLOGI E MEDICI, 50 per il 2020 e 50 per il 2021

Durata: MAGGIO 2020-APRILE 2021

Direttore scientifico: Sonia Barba

Comitato tecnico scientifico: Alessio Rocchi, Sonia Barba, Claudia Chiavarino, Alberto Giachero, Giuliano Geminiani, Daniela Leotta.

 In collaborazione con: DI.R.NE e Laboratorio Sperimentale Afasia

 

Presentazione

Il Master nasce dal lungo lavoro di un gruppo di ricerca che si è posto l’obiettivo di raccogliere e revisionare gli strumenti per la valutazione neuropsicologica utilizzati in Italia, fornendo una lettura critica delle proprietà cliniche e psicometriche di ogni specifico test. A partire dal ricco materiale analizzato, sono state organizzate delle nuove linee guida per la valutazione e la riabilitazione neuropsicologica, che prevedono l’utilizzo di strumenti validi, aggiornati e adeguatamente tarati.

Master ECM Neuropsicologia clinica IUSTO1

Il Master rappresenta una proposta formativa di particolare rilevanza nel panorama attuale della neuropsicologia e offre la possibilità di acquisire le competenze cliniche e testistiche necessarie ad effettuare interventi di valutazione e riabilitazione neuropsicologica nell’adulto e nell’anziano affetto da deficit neurologici, di origine vascolare, traumatica, oncologica o di tipo degenerativo.

Il percorso è articolato in 20 giornate di formazione (10 weekend) nei quali verranno approfonditi gli strumenti testistici utilizzabili nella valutazione neuropsicologica dell’adulto cerebroleso, con l’obiettivo di apprendere non solo le procedure di somministrazione, scoring e interpretazione dei risultati, ma soprattutto le modalità di analisi e lettura qualitativa della prestazione del paziente, dal momento che la valutazione funzionale è osservazionale e clinica, oltre che testistica.

Nello specifico, verranno fornite le competenze per la rilevazione di deficit a carico dell’attenzione, della memoria, del linguaggio, della negligenza spaziale unilaterale, delle funzioni esecutive, prassiche, visuospaziali e percettive. Inoltre saranno approfondite le modalità di valutazione e intervento psicologico e neuropsicologico nell’anziano affetto da demenza o con sospetto decadimento cognitivo.

Saranno infine illustrati, per ogni specifica funzione cognitiva, i principali protocolli per il trattamento riabilitativo, con le relative procedure, tecniche e strumenti, approfondendo le modalità d’intervento non solo sul paziente ma anche sulla famiglia e sul caregiver.


Obiettivi

Il percorso formativo prevede quindi l’acquisizione di competenze per:

  • scegliere e somministrare correttamente i principali strumenti neuropsicologici utili alla valutazione cognitiva e interpretare, in termini di modelli e teorie neuropsicologiche, la prestazione del paziente ai test;
  • effettuare una valutazione cognitiva a livello clinico, anche in assenza di test;
  • formulare una diagnosi neuropsicologica e stendere un referto diagnostico;
  • costruire e utilizzare efficacemente il PAI (Piano Assistenziale Individualizzato) come strumento di lavoro nelle Residenze per Anziani;
  • applicare protocolli di riabilitazione neurocognitiva con adulti e anziani.

Profilo professionale finale

Il Master promuove lo sviluppo di competenze immediatamente spendibili in specifici contesti professionali quali:

  • Attività libero professionale in ambito neuropsicologico clinico-diagnostico e riabilitativo;
  • Attività neuropsicologica presso Ospedali pubblici e privati, Centri di riabilitazione, Istituti di Ricerca e Cura;
  • Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze;
  • Residenze per anziani e soggetti con disabilità cognitiva.

Destinatari

Il corso è rivolto a psicologi e psicoterapeuti. E’ aperto anche a medici (neurologi, psichiatri, neuropsichiatri) e a tecnici della riabilitazione psichiatrica.

Inoltre è aperto a laureandi magistrali e tirocinanti in psicologia con documentate conoscenze in ambito neuropsicologico (allegare certificato esami sostenuti).

Numero minimo e massimo di partecipanti: 15-30.


Frequenza

Il Master è articolato in 10 weekend di lezione per un totale di 160 ore formative.

Gli incontri si terranno il sabato e la domenica (orario: 9-13 e 14-18) nel periodo MAGGIO 2020-APRILE 2021

Metodologia

Il percorso formativo prevede l’acquisizione di competenze pratico-operative. Pertanto, sarà articolato, non soltanto in lezioni frontali, ma soprattutto in esercitazioni pratiche sugli strumenti diagnostici, attività pratiche e laboratoriali, presentazione di video, analisi e discussioni su casi clinici reali. Sono previste inoltre attività di supervisione su casi clinici.

Durante il Master verranno fornite all’allievo dispense, strumenti e riferimenti bibliografici per favorire l’utilizzo in autonomia del materiale presentato negli incontri. Gli allievi avranno accesso ad una piattaforma online e utilizzeranno, per le esercitazioni pratiche, materiale testistico e saranno discussi in gruppo casi clinici reali.

E’ prevista una valutazione in itinere e finale attraverso la presentazione e discussione di un caso clinico.

 

Organizzazione didattica

LINEE GUIDA PER LA PRESA IN CARICO NEUROPSICOLOGICA

  1. PRINCIPALI QUADRI PATOLOGICI IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA.
  2. TECNICHE DI NEUROIMAGING: elementi di base per la lettura e la comprensione delle refertazioni diagnostiche relative ad esami strumentali (TAC e Risonanza magnetica)
  3. L’ASSESSMENT NEUROPSICOLOGICO: la valutazione neuropsicologica attraverso il colloquio clinico, strumenti per l’osservazione comportamentale, selezione dei test neuropsicologici in funzione della domanda, stesura della refertazione finale.
  4. I TEST DI SCREENING COGNITIVO: analisi qualitativa e quantitativa della prestazione, interpretazione del profilo cognitivo.
  5. LA VALUTAZIONE DEI DISTURBI EMOZIONALI NEI PAZIENTI CEREBROLESI: MANIFESTAZIONI CLINICHE E RELAZIONE TERAPEUTICA.

 

I DISTURBI DELLE FUNZIONI ATTENTIVE

  1. LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ATTENTIVE NEI PAZIENTI NEUROLOGICI ADULTI E ANZIANI.
  2. OSSERVAZIONE CLINICA E STRUMENTI TESTISTICI: la valutazione della velocità di elaborazione delle informazioni e del rallentamento ideomotorio, dell’attenzione selettiva, sostenuta e della distraibilità, delle funzioni attentive di controllo centrale (attenzione divisa e alternata).
  3. PROTOCOLLI E PROCEDURE PER LA RIABILITAZIONE DELLE FUNZIONI ATTENTIVE (software e strumenti carta-matita).

 

I DISTURBI DELLE FUNZIONI ESECUTIVE E LE PROBLEMATICHE PSICHICHE E COMPORTAMENTALI CONSEGUENTI A DANNO PREFRONTALE

  1. NEUROPSICOLOGIA DEL LOBO FRONTALE E FUNZIONI ESECUTIVE: osservazione clinica e strumenti testistici per la valutazione delle capacità di ragionamento logico, problem solving, pensiero astratto, pianificazione esecutiva e flessibilità cognitiva.
  2. LE FUNZIONI ESECUTIVE: PROTOCOLLI PER L’INTERVENTO RIABILITATIVO.+
  3. LA VALUTAZIONE DEI DISTURBI PSICHICI E COMPORTAMENTALI CONSEGUENTI A DANNO PREFRONTALE: tecniche di rilevazione delle principali problematiche comportamentali associate a lesione del lobo frontale (ad esempio, disturbi del tono dell’umore e disordini psichiatrici, disinibizione, adesività ambientale).
  4. PROTOCOLLI E TECNICHE COMPORTAMENTALI PER IL TRATTAMENTO CLINICO DEI DISTURBI PSICHICI E COMPORTAMENTALI.

 

I DISTURBI DELLA MEMORIA DI LAVORO E DEL CONTROLLO INIBITORIO

  1. L’INTERAZIONE TRA PROCESSI ATTENTIVI, MEMORIA DI LAVORO E CAPACITA’ D’INIBIZIONE.
  2. OSSERVAZIONE CLINICA E STRUMENTI TESTISTICI: strumenti per la valutazione della working memory (sistema deputato al mantenimento temporaneo di informazioni al fine di selezionarle, consolidarle o eseguire attività della vita quotidiana) e del controllo inibitorio (impulsività, deficit di go-no go, difficoltà di filtro delle informazioni in ingresso o di soppressione di informazioni irrilevanti).
  3. TRAINING COGNITIVI PER IL POTENZIAMENTO DELLA MEMORIA DI LAVORO PER L’ADULTO E PER L’ANZIANO.

 

I DISTURBI DELLA MEMORIA A LUNGO TERMINE E DELLA CAPACITA’ DI APRRENDIMENTO DI NUOVE INFORMAZIONI

  1. LA VALUTAZIONE DELLA MEMORIA A LUNGO TERMINE: strumenti per la valutazione della MLT episodica-autobiografica, semantica e procedurale.
  2. LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITA’ DI APPRENDIMENTO: strumenti per la valutazione della capacità di apprendimento di materiale verbale e visuospaziale (implicito ed esplicito, volontario e incidentale) e della memoria prospettica.
  3. Come analizzare qualitativamente la prestazione al fine di interpretare e comprendere i meccanismi funzionali sottostanti al deficit, per progettare un intervento riabilitativo individualizzato.
  4. L’INTERVENTO RIABILITATIVO SUI DISTURBI DELLA MEMORIA.

I DISTURBI DEL LINGUAGGIO

  1. LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA DEL PAZIENTE AFASICO: test e batterie utili alla valutazione dei disturbi della produzione e della comprensione verbale, orale e scritta; strumenti per la valutazione delle competenze pragmatiche, sintattico-grammaticali, fonemiche, semantiche, dell’efficacia comunicativa e della competenza conversazionale.
  2. LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA CON ELEMENTI DI REALTA’ VIRTUALE DEL PAZIENTE AFASICO.

I DISTURBI DEL MOVIMENTO: LE APRASSIE

  1. L’ASSESSMENT DELLE FUNZIONI PRASSICHE: indagare la presenza di aprassia degli arti, bucco-facciale e dell’abbigliamento.
  2. LINEE GUIDA PER L’INTERVENTO RIABILITATIVO DEI DISTURBI APRASSICI.

I DISTURBI AGNOSICI

  1. LA VALUTAZIONE DEI DISTURBI DEL RICONOSCIMENTO VISUOPERCETTIVO (disturbi del campo visivo, disturbi visivi elementari, agnosia appercettiva e associativa, prosopoagnosia), DEL RICONOSCIMENTO UDITIVO E TATTILE.
  2. LINEE GUIDA PER L’INTERVENTO RIABILITATIVO DEI DISTURBI AGNOSICI.

I DISTURBI VISUOSPAZIALI

  1. LA PERCEZIONE VISUOSPAZIALE, LE CAPACITA’ PRASSICO-COSTRUTTIVE E L’ORIENTAMENTO TOPOGRAFICO: strumenti per la valutazione clinica.
  2. LINEE GUIDA PER L’INTERVENTO RIABILITATIVO DEI DISTURBI VISUOSPAZIALI.

I DISTURBI DELL’ESPLORAZIONE SPAZIALE

  1. LA NEGLIGENZA SPAZIALE UNILATERALE: osservazione clinica e strumenti testistici per la valutazione della negligenza spaziale unilaterale e per la diagnosi differenziale; la valutazione funzionale della NSU nella vita quotidiana.
  2. TECNICHE E PROCEDURE PER L’INTERVENTO RIABILITATIVO DELLA NSU.

I DISTURBI COGNITIVI NELL’INVECCHIAMENTO FISIOLOGICO E NELLE DEMENZE

  1. NEUROPSICOLOGIA DELLE DEMENZE.
  2. DEMENZE E MILD COGNITIVE IMPAIRMENT: strumenti clinici e testistici per la valutazione neuropsicologica e per la diagnosi differenziale neuropsicologica.
  3. INTERVENTI FARMACOLOGICI E NON FARMACOLOGICI NELLE DEMENZE.
  4. L’INTERVENTO PSICOLOGICO SULLA FAMIGLIA E SUL CAREGIVER.

CASI CLINICI

  1. DISCUSSIONE DI CASI CLINICI relativi agli specifici profili neuropsicologici di pazienti affetti da ictus cerebrale, demenze e patologie neurodegenerative, trauma cranico e patologie cerebrali di tipo oncologico.
  2. SUPERVISIONE SU CASI CLINICI al fine di consolidare le competenze acquisite durante il percorso formativo.

VALUTAZIONE DELL'APPRENDIMENTO

Il Master prevede due momenti di verifica dell’apprendimento: il primo a dicembre 2020 e il secondo ad arile 2021. Tali verifiche prevedono lo svolgimento di un elaborato scritto in merito ad una delle tematiche affrontate o la discussione di un caso clinico.


Docenti

Sonia Barba

Psicologa, Psicoterapeuta.

Dal 2001 opera presso il Presidio Sanitario San Camillo di Torino, dove svolge attività di valutazione e riabilitazione neuropsicologica in pazienti adulti e anziani affetti da patologie neurologiche.

Dall'anno accademico 2014-2015 è Docente a contratto di Neuropsicologia Clinica presso IUSTO - Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e Docente a contratto di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica presso IUSTO, Corso di Laurea Triennale Psicologia dello sviluppo e dell'educazione. Dall'anno accademico 2014-2015 è Docente a contratto di Neuropsicologia Clinica-lab. presso il Corso di Laurea Magistrale in Psicologia clinica: salute e interventi nella comunità, Università degli Studi di Torino.

E’ docente a contratto presso la Scuola di Specializzazione post-lauream in Neuropsicologia di Torino e presso la Scuola di Specializzazione Istituto Watson di Torino. Dal 2010 collabora con gli Alzheimer Caffè Torino e fa parte del Gruppo di Lavoro “Alzheimer Caffè” dell’Ordine degli Psicologi del Piemonte.

Stefania Basilico

Psicologa, Neuropsicologa, Psicoterapeuta.

Specialista ambulatoriale presso il centro di Neuropsicologia Cognitiva dell'ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Milano. Ha conseguito il dottorato di ricerca in psicologia presso l'Università degli Studi di Pavia. E’ docente a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia di Torino. È stata Professore a contratto presso l'Università̀ degli Studi di Pavia, Facoltà di Lettere e Filosofia, Corso di Laurea in Psicologia e, sempre presso la stessa Università, affidataria di seminari didattici.

Barbara Capellero

Psicologa, Psicoterapeuta.

Il suo percorso professionale fin dal 2000, anno di apertura delle Unità di Valutazione Alzheimer, è stato caratterizzato da un’attività di presa in carico di pazienti affetti da patologie dementigene. Ha lavorato per diversi anni all’interno di un Centro Diurno Integrato per pazienti affetti da malattia di Alzheimer.

Nel periodo compreso tra il 2009 e il 2011 ha partecipato al progetto “Ring Supports for caregivers” in collaborazione con il Comune di Torino nell'ambito del programma europeo 2007-2013 Leonardo da Vinci. Esercita come psicologa convenzionata presso la ASL Città di Torino nel Servizio di Neuropsicologia della SC Neurologia, PO Martini. Svolge attività di consulenza presso il Centro per la Memoria e l’Invecchiamento della Clinica Santa Caterina da Siena. Ha collaborato con l’associazione INFINE Onlus per il sostegno ai familiari di pazienti affetti da deterioramento cognitivo.

Davide Gallo

Psicologo, Psicoterapeuta.

Dal 2010 è responsabile degli Alzheimer Caffè Torino e coordinatore del Gruppo di Lavoro “Alzheimer Caffè” dell’Ordine degli Psicologi del Piemonte. Dal 2016 è consulente per la cooperativa sociale Punto Service, occupandosi di interventi psicologici e stimolazione cognitiva per anziani, interventi di sostegno psicologico per caregiver e formazione professionale per Operatori Socio Sanitari. Socio fondatore e Presidente, fino al 2019, del Nuovo Centro di Salute Psicofisica, dove si è occupato di progettazione di interventi bio-psico-sociali, formazione e progetti di ricerca in ambito neuropsicologico e psicologico in collaborazione con Enti Universitari. Nel 2017 è stato pubblicato il volume “Facciamo un Caffè – dall’idea all’organizzazione, istruzioni per l’uso di un Alzheimer Caffè” Ed. Hogrefe, di cui è curatore. Opera in regime di libero professionista, occupandosi di disturbi d’ansia, dell’umore, elaborazione del lutto e traumi, con giovani, adulti ed anziani.

Elisabetta Geda

Psicologa, area neuroscienze e neuropsicologia clinica.

Fino al 2016 è collaboratrice universitaria e cultrice della materia in psicologia generale presso l’Università di Torino. Qui afferisce al gruppo di ricerca “Neuroimaging e plasticità cerebrale” in cui si occupa principalmente di progetti di ricerca in collaborazione con il Politecnico di Torino sulla riabilitazione cognitivo-motoria assistita da esoscheletri. Contestualmente segue il Servizio Universitario di Neuropsicologia clinica presso l’Ospedale Koelliker di Torino e qui approfondisce l’utilizzo dei dati di neuroimaging (fMRI e altri biosegnali) come supporto metodologico alla clinica e alla ricerca e partecipa alla stesura di numerosi articoli scientifici pubblicati su riviste internazionali come coautrice. In seguito diventa la responsabile del servizio di neuropsicologia clinica e tecniche di neurostimolazione cerebrale dell’IRR – Istituto delle riabilitazioni Riba del gruppo Cidimu, dove introduce il neuroimaging funzionale (elettroencefalogramma quantitativo) come parte dell’assessment iniziale e si avvale di tecniche di neurostimolazione come la stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS) nei training riabilitativi, sia per pazienti neurologici che affetti da altre patologie. Dall’anno accademico 2016-2017 svolge inoltre attività di docenza nel corso di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica, presso IUSTO e contestualmente partecipa come relatrice ad alcuni corsi di aggiornamento sulle tecniche di stimolazione cerebrale. Prosegue infine l’attività di ricerca sia interna agli istituti sia collaborando con l’Università di Brighton.

Giuliano Geminiani

Professore ordinario di Neuropsicologia Clinica presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino. Si occupa di tematiche di ricerca in campo neuropsicologico clinico, in particolare: disturbi visuo-spaziali in soggetti con lesione cerebrale, aspetti neurocognitivi e motori nelle patologie degenerative del sistema nervoso centrale, riabilitazione neuropsicologica e plasticità cerebrale, neuroimaging funzionale (fMRI) applicato alle neuroscienze cliniche e cognitive.

E’ stato direttore del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino dal 2002 al 2008 e dal 2012 al 2015, istituendo i laboratori tecnici dipartimentali. Nel 2006 è stato co-fondatore del Centro di Ricerca GCS-fMRI per la ricerca clinica e sperimentale nell’ambito del neuroimaging funzionale, collaborazione tra Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino e Servizio di Neuroradiologia dell’Ospedale Koelliker di Torino. Attualmente è Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Criminologica e Forense e Direttore della Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia del Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino.

Alberto Giachero

Psicologo, Psicoterapeuta, PhD.

Presenta un'esperienza ventennale nell'ambito della Neuropsicologia, con particolare riferimento alla Riabilitazione Neurocognitiva del paziente afasico. Dal 2000 ha svolto la propria attività presso la Fondazione Carlo Molo Onlus e nel 2004 è diventato Coordinatore del Laboratorio Sperimentale Afasia della Fondazione stessa. Dal 2019 è Direttore del Laboratorio Sperimentale Afasia dello Studio Associato Giachero–Calati, patrocinato dalla Fondazione Carlo Molo Onlus. Dal 2007 al 2015 è stato Docente a Contratto presso l'Università degli Studi di Torino del corso di "Riabilitazione Neurocognitiva". Dal 2015 ad oggi è titolare di vari Laboratori di Neuropsicologia e Riabilitazione dell'Afasia presso l'Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Psicologia e del corso di "Neuropsicologia e Valutazione del Linguaggio" presso la Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia – Università degli Studi di Torino, in qualità di Professore a Contratto.

Daniela Leotta

Profilo in aggiornamento

Alessandra Ruzzini

Psicologa, Psicoterapeuta, esperta in neuropsicologia dell’adulto e dell’anziano.

Opera come consulente psicologa presso il nucleo degli stati vegetativi - RSA San Giuseppe di Torre Pellice e presso la struttura RSA “La Consolata” di Beinasco. Dal 2001/2012 ha maturato il proprio percorso professionale nell’ambito della valutazione e riabilitazione del trauma cranico e della grave cerebrolesione acquisita presso il Centro Puzzle di Torino (centro specializzato nel recupero del TCE e GCA, in fase degli esiti). Negli anni accademici 2012/2013 - 2013/2014 – 2014/2015 è stata Docente a contratto presso l’Università degli Studi di Torino, Facoltà di Psicologia, Corso di Laurea in Scienze della Mente (Insegnamento: La riabilitazione neurocognitiva – Modulo: “La riabilitazione della memoria”). Dal 2008 al 2012 è stata docente in convenzione per lo stesso corso di laurea. E' Docente formatore psicologo presso l’Ente di formazione continua Consulman di Torino. Svolge attività privata in Torino in ambito neuropsicologico e riabilitativo; psicoterapia cognitiva individuale dell’adolescente, adulto e anziano.

Martina Valdemarca

Psicologa, esperta in valutazione e abilitazione cognitiva con bambini e adolescenti con Disturbi specifici dell’Apprendimento e Disturbi dell’Attenzione e Iperattività.

Collabora con diverse strutture di Torino e provincia per attività di valutazione e stimolazione cognitiva con soggetti in età evolutiva. Ha maturato anni di esperienza nel campo della valutazione e riabilitazione delle funzioni cognitive in pazienti adulti e anziani con patologie neurologiche attraverso la collaborazione con alcune strutture del territorio quali il Presidio San Camillo di Torino, il Servizio di Neurologia delle Molinette e il Presidio Sanitario Ausiliatrice Don Carlo Gnocchi.


Attestato

Il Master è in fase di accreditamento ECM per psicologi e medici.

Provider del Master Executive ECM: ASSOCIAZIONE SALUTE BIOETICA PIEMONTE.

Il conseguimento dei crediti ECM è subordinato al superamento delle verifiche finali e alla frequentazione di almeno il 90% delle ore di lezione.

Al termine del corso (a coloro che avranno frequentato almeno il 90% delle ore di lezione e avranno superato l’esame finale) sarà rilasciato l’attestato di formazione raggiunta. L’attestato ha validità per gli usi consentiti dalla legge, per esigenze curriculari, concorsuali, di aggiornamento e di riqualificazione professionale.

Per gli studenti IUSTO è prevista la possibilità di riconoscimento (fino a un massimo) di 10 crediti CFU.


In aggiornamento

Iscrizioni e quote di iscrizione

Le iscrizioni on line saranno presto disponibili,

al momento è possibile dimostrare il proprio interesse inviando una mail a [email protected], indicando il nome del corso, nome - cognome, mail e numero di telefono.

  EARLY BOOKING

(pagamento entro il 31/01/20) 

FULL PRICE

(pagamento dal 01/02/20)

Costo iscrizione € 1.750,00 € 1.900,00
Studenti e laureati IUSTO € 1.600,00 € 1.750,00
Soci DI.R.NE. € 1.600,00 € 1.750,00

 

 

 

 

Modalità di pagamento

In aggiornamento 


Sede del corso  

Il corso si svolgerà presso IUSTO, Piazza Rebaudengo 22, Torino.

Sportello informativo telefonico
P.zza Rebaudengo, 22 - 10155 Torino
Tel.: +39 011 2340083
Fax: +39 011 2304044

E-mail: [email protected]

Direttore scientifico
prof.ssa Sonia Barba: 3474344060
E-mail: [email protected]

Orario Sportello Studenti